pubblicità

Cartelloni, Espositori e Totem: gli strumenti per la tua pubblicità

Ogni attività commerciale, che sia conosciuta, ma soprattutto poco conosciuta, ha sempre bisogno di fare pubblicità. E se qualcuno pensa il contrario, citiamo la Coca Cola, secondo voi avrebbe bisogno di fare pubblicità? Eppure solo nel 2016, ha impiegato 4 miliardi di dollari, circa il 10% del suo fatturato.

Ma tornando a noi, basta considerare il concetto che, se una persona non sa che ci sei, non può trovarti. Ecco allora che ci vengono in aiuto tantissimi prodotti e strumenti per la visibilità del nostro brand e oggi ci soffermiamo in particolare sulla vasta scelta di espositori pubblicitari personalizzati.

Tra questi ci sono i Totem, tra i più diffusi mezzi pubblicitari, perché utilizzabili sia in contesti esterni, sia in contesti interni. Sono facilmente trasportabili e possono essere particolarmente adatti per pubblicizzarsi durante un determinato evento vicino al target di riferimento. Esistono differenti tipologie di totem pubblicitari, vediamole insieme.

Il totem cosiddetto “monolitico” è quel totem che è stato realizzato in un unico grande blocco, ideale per fungere da insegna o da ulteriore pubblicità all’esterno di centri commerciali o sedi aziendali o come totem per le stazioni di servizio.

Il totem su stelo presenta un design particolare, con pannello o pannelli orizzontali, che hanno il vantaggio di presentare anche una ridotta superficie sottoposta al pagamento dell’imposta pubblicitaria e ad una base di dimensioni contenute.

Il totem modulare è costituito, all’opposto del monolitico, da più fasce ad incastro: questa particolare peculiarità permette di ottenere totem di qualsiasi altezza mantenendo allo stesso tempo inalterata la visibilità dei contenuti testuali presenti. Solitamente sono disponibili con superficie mono, bi o trifacciale. Sono ideali quando si prevedono ad esempio, campagne da “aggiornare” a distanza di tempo, con frasi e slogan in aggiunta al semplice marchio. Il totem modulare è particolarmente adatto anche quando si devono pubblicizzare più marchi, ad esempio in occasione di fiere o congressi, o anche come “segnale di smistamento” all’interno di uffici e palazzi.

Il totem multispazio, infine, è realizzato con l’obiettivo di dare visibilità a più brand differenti, integrandoli tutti in un unico totem di grandi dimensioni che li rende in ogni caso visibili in modo ottimale. È dotato di elementi di sostegno necessari per la stabilità del totem in caso di raffiche di vento, realizzato con materiali resistenti come acciaio zincato con una superficie esterna di alluminio e materiale plastico. È possibile anche che siano dotati di illuminazione interna, con cablaggi a basso consumo di energia elettrica.

C’è poi tutta la categoria di espositori relativa alla Cartellonistica pubblicitaria, si intendono tutte quelle strutture pubblicitarie, sempre con stampa personalizzata, che – a differenza delle affissioni – sono di carattere semipermanente e possono perdurare dai sei mesi fino anche a più anni di visibilità. Questo è il motivo per cui tale pubblicità viene utilizzata su supporti particolarmente resistenti e diversi dai pannelli tradizionali.

Ci sono diverse forme di cartellonistica, a seconda degli usi, delle possibilità economiche e del target che si intende raggiungere. La modalità più diffusa è l’utilizzo di cartelloni stradali impiegati lungo le strade extra-urbane: anche per questo è un settore particolarmente regolamentato per impedirne la confusione con i normali segnali stradali e renderli comunque distinguibili come forma di pubblicità. Tuttavia ne esistono tanti utilizzi differenti e di conseguenza si utilizzano anche i materiali più diversi.

Rientrano nell’ambito della cartellonistica, ad esempio, gli striscioni in serigrafia (sulle strade o come messaggi da velivoli), gli spazi pubblicitari degli impianti sportivi, sulle pensiline disposte alle fermate dei bus, gli spazi pubblicitari all’interno delle aree metropolitane, nonché quelli sugli stessi mezzi di trasporto, pubblici o privati. Ecco perché possono essere realizzati sia in materiali plastici resistenti agli agenti atmosferici (cartelloni su strade extraurbane), che in semplici poster di carta (all’interno delle vetrine negli spazi delle metropolitane). Come abbiamo visto, può trattarsi di una forma pubblicitaria fissa (cartelloni stradali), semifissa (su impianti girevoli) o anche dinamica (aerei e mezzi di trasporto).

Interessante notare che questo tipo di pubblicità può essere perfettamente visibile anche durante le ore notturne: i messaggi, infatti, continuano ad essere visualizzati anche con il buio della notte tramite apposite strutture di illuminazione, come fari di differenti dimensioni e illuminazioni al neon oppure al led.

Commenta ora!

Your email address will not be published. Required fields are marked *